Blog: http://astronik.ilcannocchiale.it

Salvare il basket di vertice a Potenza!




Da appassionato di pallacanestro ho seguito con grande apprensione le vicende che hanno riguardato la più importante società della mia città nonché la più vecchia squadra di basket della regione. In un paio di settimane ne ho sentite tante e poi tante che faccio fatica a raccapezzarmi.

Leggendo i resoconti giornalistici dell’assemblea di giovedì sera presso la palestra di Via Roma non posso fare a meno di esprimere lo sconcerto per i toni che ha assunto il dibattito, arrivare a chiedere le dimissioni di Franco Liguori è una richiesta assolutamente sconsiderata in virtù dello straordinario impegno profuso, disinteressatamente, dal presidente del Comitato Regionale FIP di Basilicata. Se si arrivati a ciò vuol dire che il dibattito s’è imbarbarito.

La crisi che sta investendo a tutti i livelli il mondo del basket italiano, con la rinuncia a proseguire l’attività da parte di tante società prestigiose, non ha lasciato immune la Basilicata  dal fenomeno recessivo, tutti sappiamo che Bernalda si è iscritta in extremis, che Melfi invece non ce l’ha fatta e riparte, forse, dalla C2 regionale, solo l’Olimpia Matera può contare su una solidità societaria che le consente di rimanere in un campionato di assoluto prestigio.

Le difficoltà palesatesi per la Potenza 84 sono state gestite, a mio modo di vedere, in modo assolutamente inadeguato soprattutto nel rapporto con la stampa e con la stessa tifoseria.

Intrattengo amicizia da lunga data con tutti i dirigenti della più prestigiosa società di basket regionale, sono fra quelli che riconosce l’impegno, non solo economico, per disputare campionati di alto livello, sono consapevole delle difficoltà ambientali in cui essi operano, sono convinto altresì che in una città non molto grande come Potenza, dove la crisi economica ha fatto danni rilevanti, non ci sia spazio sufficiente per tante società, delle varie discipline, per disputare costosi campionati nazionali in quanto le forze economiche che da sempre hanno “appoggiato”, con le sponsorizzazioni, le nostre Società, non dispongono più di capitali adeguati da investire nello sport.

Tutto ciò premesso non ho condiviso la scelta mediatica adottata dalla Potenza 84, non mi è piaciuto il riserbo o forse meglio chiamarlo un inspiegabile ed ottuso black out nei confronti di stampa e cittadinanza. Una scelta infelice che non ha fatto altro che creare dissapori e peggiorare il clima di sfiducia nei confronti di una Società che in passato ha regalato momenti di grandi soddisfazioni ai tantissimi appassionati.

Ovviamente non ho alcun risentimento personale verso la dirigenza della Potenza 84, ci mancherebbe, ma ho molti motivi per palesare la mia grande delusione per come è stata gestita la “crisi”. Non mi avventuro in valutazioni tecniche ne voglio entrare nel merito delle questioni societarie, ma devo esprimere il mio più vivo disappunto  per aver voluto attaccare il Comitato Regionale della FIP, di cui mi onoro essere componente da oltre trent’anni, ed in particolare non ho gradito la richiesta di dimissioni rivolta al presidente Franco Liguori.

Che c’azzecca? Che colpe ha il presidente del Comitato regionale? Egli si è limitato a rispondere alle domande dei giornalisti ed ha commentato in maniera equilibrata gli eventi, non è entrato nel merito delle faccende societarie ne ha accusato direttamente persone appartenenti alla Società, si è limitato a farsi portavoce dello sconcerto dell’intero movimento cestistico potentino.

Non capisco poi il livore nei confronti della stampa, i giornalisti per mestiere devono informare ed in questa vicenda ritengo che lo abbiano fatto in maniera professionale, è loro compito soddisfare la sete di notizie che i lettori manifestano per cui prendersela con la stampa, secondo me, non serve, è fuorviante.

Dopo l’assemblea di giovedì sera forse si ulteriormente innalzato lo steccato fra la Società e la città, consiglio, per il bene nei confronti della pallacanestro, di fare un passo indietro, superiamo le incomprensioni (chiamiamole così…), speriamo che nuovi imprenditori si affianchino all’attuale dirigenza e scongiuriamo i pomeriggi delle domeniche d’inverno senza basket a Potenza.

 

Pubblicato il 17/7/2011 alle 22.36 nella rubrica BASKET LUCANO.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web