.
Annunci online

astronik
UN LUCANO DOC - Dialoghi e immagini da una terra antica che non vuole morire.


Diario


9 ottobre 2013

Muoversi oggi a Potenza



In questi giorni il dibattito sul trasporto pubblico a Potenza è di grande attualità, il Comune annuncia che dopo il periodo di sperimentazione dei nuovi percorsi, durato nove mesi, il tempo di gestazione di un bimbo, si provvede ad apportare le modifiche per venire incontro alle segnalazione dei cittadini. Vedremo.

Uno degli obiettivi del Comune all’interno della mobilità cittadina è quello di far abituare i potentini ad utilizzare tutte le opzioni che il trasporto pubblico offre, oltre al servizio urbano sugli autobus gestito da Cotrab c’è il servizio metropolitano delle FAL e ci sono 4 tratte di scale mobili. Teoricamente non dovremmo poterci lamentare. Ma solo teoricamente.

Tralascio di trattare le problematiche relative al trasporto su gomma perché l’ho trattato con l’articolo su Controsenso del 21 settembre (http://www.controsensobasilicata.it/giornali/21sett.pdf) ed ho pure approfondito il discorso sulla metropolitana delle FAL su Controsenso del 28 settembre (http://www.controsensobasilicata.it/giornali/unico28%20sett.pdf), qui voglio aprire il dibattito sulle modalità con cui si dovrebbe utilizzare l’integrazione fra tutti e tre i servizi di mobilità che abbiamo a disposizione a Potenza.

Per spostarsi all’interno della città viene raccomandato di usare il trasporto su gomma abbinato a scale mobili e metropolitana, in molti casi la cosa può essere agevole, in molti altri ci sono problemi soprattutto quando gli utenti sono gli anziani e coloro che hanno difficoltà a muoversi per handicap fisici, i nostri concittadini più sfortunati che sono costretti a vivere su una carrozzina a Potenza non hanno possibilità di utilizzare i mezzi pubblici.

Io utilizzo intensamente i collegamenti meccanizzati per muovermi in città oggi ho trovato una “falla” infrastrutturale. Mi spiego meglio.

Sbarcato dalla scala mobile in via Armellini proveniente dal Centro Storico dovevo raggiungere la fermata delle FAL di Rione Mancusi, distante circa 100 metri dall’ingresso della scala mobile.

Da via Armellini bisogna imboccare una scalinata che lambisce il fabbricato ex Concessionaria Fiat, gradinata sgarupatissima con gradini in cemento che si immerge in una fittissima vegetazione, piena di rifiuti e circondata da una discarica a cielo aperto, finita la prima rampa ce n’è una seconda nelle medesime condizioni poi c’è uno stretto viottolo sconnesso che arriva fino al marciapiede della fermata della metropolitana. Sono 100 metri dove è facile cadere e che è sconsigliatissimo percorre quando piove e quando è bagnato.

Stiamo parlando di una zona centralissima di Potenza e non è possibile tenere aperta questa scala e questo viottolo, o si provvede a metterlo in sicurezza o lo si chiude, fra l’altro al calar delle tenebre, non essendoci pubblica illuminazione, si possono fare brutti incontri.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. potenza scale mobili fal

permalink | inviato da astronik il 9/10/2013 alle 15:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


28 luglio 2013

Siderpotenza: la Magistratura finalmente s'è mossa



Tanto tuonò che piovve, dopo tante invocazioni la Magistratura potentina ha affidato al PM Sergio Marotta il compito di verificare se la Siderpotenza, la fonderia del Gruppo Pittini ubicata fra rione Betlemme e Bucaletto, è in regola con tutte le leggi ambientali.

I carabinieri del NOE incaricati delle verifiche si avvalgono della collaborazione di 3 tecnici esperti in materia che hanno già collaborato con la Procura di Taranto nel verificare l’inquinamento prodotto dall’ILVA, quindi persone di provata esperienza e competenti di prim’ordine.

Non è nemmeno il caso di paragonare la Siderpotenza all’ILVA per quanto riguarda le dimensioni degli stabilimenti, sicuramente il tipo e le quantità di inquinanti prodotti dalla fonderia potentina non possono essere comparati a quelli dell’ILVA ma mentre a Taranto, grazie all’inchiesta della coraggiosa PM Todisco i tarantini sanno finalmente che l’aria che respirano è inquinata e volendo possono prendere le precauzioni del caso, noi qui, a Potenza, da anni chiediamo un serio monitoraggio di aria, suolo ed acqua nelle aree circostanti lo stabilimento del Gruppo Pittini ma non siamo, fino ad oggi, riusciti a conoscere la composizione dei fumi che emettono le ciminiere ne tantomeno si sa se al suolo si sono depositate sostanze pericolose.

Finalmente con l’intervento della Magistratura a breve dovremmo conoscere lo stato dell’arte.

E’ opportuno fare un flash back relativo agli ultimi accadimenti che hanno riguardato le vicende del probabile inquinamento causato dalla Siderpotenza.

A smuovere le acque potrebbe essere stata la manifestazione organizzata dal Comitato Aria Pulita che a giugno, davanti ai cancelli dello stabilimento, ha attirato l’attenzione dei media nazionali, potrebbe essere stata la richiesta del WWF di Basilicata che ha sollecitato un monitoraggio approfondito e le sempre crescenti proteste degli abitanti di Bucaletto.

Sta di fatto che con la concessione dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) da parte della Regione Basilicata a febbraio 2012 sono stati formalmente fissati i paletti entro cui la Siderpotenza deve operare per cui i controlli dovrebbero essere più puntuali e stringenti, circostanza che invece non è avvenuta. Lo ha ammesso lo stesso direttore dell’ARPAB, ente indicato nell’AIA quale soggetto deputato al monitoraggio, che però promette l’intensificazione dei controlli, ammettendo, implicitamente che fino ad oggi il monitoraggio è stato carente e non rispondente alle prescrizioni contenute nell’AIA.

Uno degli sporadici controlli effettuato da ARPAB ha rilevato che il monossido di carbonio fuoriesce in quantità superiori al minimo stabilito dalle normative e per aggirare tale criticità la società Ferriere Nord si premura di richiedere nuova AIA – VIA che consenta la modifica dei limiti di emissione del monossido di carbonio (CO), come dire, non riusciamo a stare nei limiti quindi meglio abbassare i limiti.

La campagna di monitoraggio con centraline mobili effettuata per pochi mesi alla fine del 2012 ha altresì appurato che alcuni metalli pesanti nelle aree circostanti le ciminiere della Siderpotenza. sono presenti in atmosfera in concentrazione elevatissima, per quanto concerne lo zinco, ad esempio, si parla di valori 300 volte superiori a quelli rilevati nel centro della città.

Ma oltre a produrre tondini per l’edilizia la Siderpotenza diversifica la produzione riuscendo a produrre dagli scarti delle lavorazioni la granella utile alla produzione di conglomerati bituminosi, tale attività non è prevista nell’autorizzazione AIA concessa nel 2012 e ci sono forti dubbi che le montagne di granella accumulate nei piazzali della Siderpotenza possano disperdere polveri pericolose non essendovi alcuna protezione.

Aspettando i risultati dell’ispezione commissionata dalla Magistratura potentina c’è da rilevare che le Istituzioni continuano clamorosamente a latitare, l’Azienda Sanitaria del Potentino non ha mai varato uno programma per effettuare uno screening sanitario sulle persone che abitano nei paraggi della ferriera, ci riferiamo agli abitanti di Bucaletto e Rione Betlemme, il Comune di Potenza non si cura minimamente di tutelare la salute dei propri concittadini, è rimasta una vaga promessa quella dell’Assessore all’Ambiente Lovallo che aveva garantito di indire una Conferenza di servizi che avrebbe riunito attorno ad un tavolo tutti i soggetti interessati, altre iniziative a tutela della salute pubblica da parte della civica amministrazione non se ne conoscono, anzi il Comune rilascia permessi di costruire a meno di cento metri in linea d’aria dalle ciminiere, oltre alle due torri ubicate all’ingresso di Bucaletto l’ATER sta per ultimare un centinaio di abitazioni che a breve saranno consegnate, sarebbe stato opportuno realizzare a distanza di sicurezza un così elevato numero di abitazioni così facendo, non appena le nuove case saranno abitate si aprirà un nuovo fronte di protesta perché rumori ed odori provenienti dalla fonderia complicheranno la vita a molte centinaia di persone.

Nel frattempo il Gruppo Pittini ingrandisce lo stabilimento con l’acquisizione dei fabbricati e dei suoli acquistati da due aziende adiacenti, la Mahle e la Liquigas, per cui la tanto auspicata delocalizzazione è ben lungi dal venire e siamo in presenza dell’assurdo con lo stabilimento che si amplia, e la città che continua ad espandersi attorno alle ciminiere della ferriera.

Non ci resta che aspettare le risultanze dei rilievi disposti dalla Magistratura, speriamo che non emergano situazioni che possano determinare misure eclatanti quale la chiusura dello stabilimento, sarebbe una tragedia per le centinaia di famiglie che campano con il lavoro presso la ferriera.

Sarà finalmente fatta luce sul tipo e la quantità di sostanze pericolose disperse dargli impianti gestiti dalle Ferriere Nord, verificare se le misure adottate per trattenere i veleni rivenienti dalla fusione dei metalli sono sufficienti a garantire la salute pubblica e stabilire se lo stabilimento è compatibile con la vivibilità di un pezzo di città abitato da migliaia di persone.


4 giugno 2013

Il sindaco Santarsiero consegna le chiavi della città e si ritira in campagna di Pio Abiusi

 

Un mio post di qualche giorno fa sulla Siderpotenza ha indotto Pio Abiusi dell’Associazione ambiente e Legalità di Matera (sic!) ad intervenire sulla questione. Riporto qui in calce l’articolo di Pio.

Il sindaco Santarsiero consegna le chiavi della città e si ritira in campagna

Ovviamente, per il buon ritiro sceglie l'area Nord, quella più distante da Bucaletto. Certo il nostro si è incartato nel Nodo Complesso che è divenuto sempre più complicato e non può farsi carico di quello che i cittadini gli chiedono: capire ciò che accade dalle parti di Sidepotenza. I molti appelli per convocare una pubblica conferenza e portare a conoscenza dei cittadini interessati quale sia lo stato dell'arte circa i lavori di adeguamento all'Autorizzazione Integrata Ambientale concessa, di monitoraggio delle emissioni in atmosfera, di caratterizzazione del suolo -per quanto è possibile - e del sottosuolo, del monitoraggio delle acque di falda e di superficie, delle emissioni sonore sono andati dispersi nel vuoto. Sono cose che spettano al Primo Cittadino, sia per tutelare la salute dei suoi concittadini sia per rassicurarli, egli dovrebbe attivarsi in maniera “solerte” mobilitando le specifiche professionalità ed gli enti preposti alla tutela ambientale. Sollecitavamo la Regione, già da tempo, a rivisitare l'A.I.A, per quel che riguarda le BAT- le migliori tecnologie disponibili- che sono conformate alle linee guida italiane sulle migliori tecniche disponibili per lo specifico settore e che risalgono al D.M. del 31 gennaio 2005 e non già alla decisione di esecuzione della commissione europea del 28 febbraio 2012 e che stabilisce le conclusioni sulle migliori tecniche disponibili (BAT) per la produzione di ferro e acciaio ai sensi della direttiva 2010/75/UE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle emissioni industriali. Il Ministero per l'Ambiente è andato a riscrivere, anche velocemente, la nuova a AIA per l'ILVA adeguandola alle suddette linee europee previste ed ha richiesto che i parchi minerari fossero dotati di copertura. Nel caso di Siderpotenza questo ultimo aspetto non è stato neppure contemplato eppure l'attento Antonio Nicastro ha rilevato la presenza di un parco minerario composto da materiale ferroso, riteniamo, e le foto sono un segno tangibile della novità sulla quale occorre intervenire rapidamente.

x associazione ambiente e legalità

Pio Abiusi

Matera,4 giugno 2013



1 giugno 2013

Sempre fumo sulla Siderpotenza

 

Nel mentre il fumo continua ad uscire copioso dai camini della SiderPotenza tutti coloro che s’interrogano sulla qualità dell’aria nelle aree circostanti lo stabilimento di rione Betlemme che dai rottami ferrosi ricava tondini per l’edilizia, non hanno risposte ai loro legittimi dubbi.

Quali sostanze vengono immesse in atmosfere insieme all’innocuo vapore acqueo? La letteratura scientifica che tratta della fusione dei metalli è alquanto chiara, laddove si ricavano metalli attraverso processi di fusione si liberano sostanze pericolose per l’uomo e la natura circostante. Negli anni i sistemi per abbattere le polveri contenenti metalli si sono, per fortuna, perfezionati e gli impianti di filtraggio, laddove sono stati introdotti, hanno di sicuro attenuato il pericolo derivante dalla dispersione in atmosfera, sul suolo e nelle acque di componenti chimici collaterali ai processi di fusione.

Ultimo prestigioso intervento sulla questione dei mancati monitoraggi, ma solo in ordine di tempo, quello del WWF di Basilicata che ha rinnovato la richiesta a Regione e ARPAB di comunicare se le circa cento prescrizioni contenute nell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) vengono rispettate dalla SiderPotenza.

Un monitoraggio continuo nelle aree circostanti lo stabilimento di proprietà del Gruppo Pittini non è mai stato fatto, nonostante le normative prevedono, per alcuni inquinanti, il piombo per esempio, che per verificare se il valore sia entro i limiti previsti bisogna far riferimento a quantità di polveri prodotte riferite all’anno solare. Non essendoci un monitoraggio continuativo ed ininterrotto, relativamente alle polveri di piombo disperse dalla SiderPotenza, non sappiamo se sussiste inquinamento oltre i limiti previsti dalla legge.

Appare quindi improbabile che tutte le prescrizioni contenute nell’AIA possano essere puntualmente verificate proprio perché l’Agenzia di protezione ambientale, l’ARPAB, a cui è demandato il compito di verificare l’AIA, non effettua il monitoraggio per tutti i 365 giorni dell’anno, e non si comprende perché dal Dipartimento Ambiente della Regione Basilicata non hanno nulla da obiettare.

L’ultima campagna di monitoraggio effettuata dall’ARPAB è stata realizzata, utilizzando quattro centraline mobili, da settembre a dicembre 2012 ed i dati sono stati pubblicati sul sito internet dell’Agenzia. Negli altri periodi dell’anno la SiderPotenza è regolarmente in funzione ma nessuno saprà mai i dati della qualità dell’aria in assenza di controlli. Qualcuno, maliziosamente, fa notare che essendo i mezzi mobili dell’ARPAB impegnati nel monitoraggio ben visibili la SiderPotenza potrebbe limitare le produzioni potenzialmente più inquinanti nei periodi in cui si effettuano i controlli

Abbiamo cercato di interpretare i dati della campagna di monitoraggio effettuata lo scorso anno, da comuni mortali abbiamo avuto difficoltà a comprendere alcuni dati, una lunga sequela di numeri non del tutto chiari anche per colpa delle normative che non dettano limiti per molti degli inquinanti derivati dai metalli, per esempio Alluminio, Ferro, Zinco, Manganese, Cromo, Rame.

In tutti i casi la relazione dell’ARPAB un allarme lo lancia quando scrive:“In tutti i punti di misura, e soprattutto nel punto 2 (piazzale Pessolano), le analisi per la speciazione dei metalli nel particolato hanno evidenziato elevate concentrazioni di Zinco, Ferro, Alluminio, da attribuire presumibilmente a lavorazioni industriali metalliche nelle vicinanze.

Pur considerando il monitoraggio parziale l’ARPAB fa dei paragoni fra le quantità di metalli trovate dentro le particelle che compongono il PM10 e quelle riscontrate dalle centraline urbane. Risulta in maniera più che evidente che nei paraggi della SiderPotenza i valori dei metalli dispersi in atmosfera sono esageratamente superiori a quelli riscontrati dalle centraline distanti dalla fonderia. A titolo di esempio le quantità di Zinco rilevate dalla centralina mobile piazzata nei pressi del parcheggio Pessolano, a poche decine di metri dallo stabilimento SiderPotenza, ha restituito un valore di 33.265 ng/m3 mentre la centralina fissa di Piazza 18 Agosto ha registrato valori compresi fra 190 e 624 ng/m3 quindi dalle parti di Bucaletto respirano Zinco con valori di 300 volte superiori a chi abita nel Centro Storico di Potenza. Confrontando i dati degli altri metalli si evince, senza temere di essere smentiti, che nell’area compresa fra Bucaletto e rione Betlemme si respirano molte più polveri di metalli che nel resto della città.

Neanche l’ultima campagna di monitoraggio ha riguardato le diossine, un inquinante che con quasi certezza è contenuto nei fumi delle ciminiere della SiderPotenza in considerazione che detto pericolosissimo inquinante nella letteratura scientifica viene dato per presente nei processi che prevedono la fusione dei metalli.

Nessun campionamento è stato eseguito sui suoli e nelle falde acquifere circostanti lo stabilimento o nelle acque del fiume Basento che scorre a pochi metri dallo stabilimento.

A sentire gli abitanti di Bucaletto e dintorni sono in tanti ad avere problemi respiratori e fastidi agli occhi e alla gola, si denunciano tanti casi di tumore, qualcuno dice di molto superiori alla media , se ci si informa sugli effetti prodotti dalle polveri di metalli non è che si possono dormire sonni tranquilli: cancro linfatico, cancro al fegato, cancro della pelle, diarrea, dolori di stomaco, vomito, fratture ossee, danni immunitari, disordini psicologici, danni ai reni e al fegato, difficoltà di apprendimento sono alcune delle patologie che possono insorgere se si è a contatto con le polveri di metallo che, non dimentichiamolo, vengono assorbite dalle verdure, carni e cereali.

Girando fra le baracche di Bucaletto si registrano proteste e fatalità ma in tanti denunciano il disinteresse del Comune di Potenza per la salute degli abitanti delle aree circostanti lo stabilimento

E’ rimasta lettera morta la richiesta di un incontro formulato dall’Associazione Libera al Sindaco di Potenza e al Presidente della Giunta Regionale della Basilicata a cui è stata consegnata una petizione firmata da 1240 potentini nel periodo dicembre 2011 – aprile 2012, con cui si chiede ai due esponenti politici di attivarsi affinché sia fatto un monitoraggio in continuo nelle aree circostanti lo stabilimento.

Nessuna notizia di screening da effettuare sugli abitanti di Bucaletto per verificare l’impatto dei fumi della SiderPotenza sulla salute della popolazione, nessun approfondimento da parte delle autorità sanitarie per spiegare le tante patologie respiratorie e tumorali lamentate in una vasta area compresa fra rione Betlemme, Costa della Gaveta e Bucaletto.

Abbiamo interpellato l’assessore all’ambiente del Comune di Potenza Nicola Lovallo per conoscere eventuali iniziative a tutela di un discreto numero di cittadini che da tempo denunciano l’inerzia della civica amministrazione, l’assessore comunica che a breve sarà indetta una conferenza di servizi a cui saranno invitati a partecipare, oltre ai responsabili dello stabilimento, il Dipartimento Ambiente della Regione Basilicata, l’ARPAB, l’ASP.

Nel frattempo i potentini dovranno continuare a convivere con i rumori e l’aria a volte irrespirabile che fuoriesce dai camini della SiderPotenza, anzi alle preoccupazioni per la qualità dell’aria se ne aggiunge una nuova, nel piazzale della ex Mahle, diventato pertinenza della fonderia, si notano montagne di residui di lavorazione prive di protezione e che il vento disperde nelle aree circostanti, in molti vorrebbero sapere che sostanze contengono quei cumuli di rifiuti e se è normale che non siano protette da teloni.


25 maggio 2013

Le iniziative di "Io Potentino"

 

L’associazione Io potentino nasce nel 2010 come naturale evoluzione dell’Associazione San Gerardo la Porta che operava nella parrocchia della Cattedrale, sono circa 25 i soci tesserati ed ha un direttivo di 5 componenti, il presidente è Francesco Romagnano, collante dell’associazione l’amore per la propria città e l’attenzione per i più deboli.

In questi tre anni di vita “Io potentino” è stata molto attiva ed ha messo in campo molte iniziative, in particolare ha riscosso molto successo “12 Mesi di Potenza”, trattasi dell’idea di indire un concorso fotografico, giunto alla seconda edizione, avente per tema la città di Potenza, tra le foto votate tramite internet vengono scelte 12 immagini, una per mese, che fanno parte di un calendario posto in vendita ed i cui ricavi vengono utilizzati per pagare la banda musicale che segue la processione durante la festività di San Gerardo.

Fulcro delle iniziative è la festività di San Gerardo ed in questo periodo che si concentrano le proposte dell’Associazione, ed infatti proprio nell’approssimarsi della festività in onore del santo Patrono la città si risveglia dal torpore invernale, fioriscono tanti progetti e manifestazioni che culminano nella storica parata dei turchi.

Sono ben quattro le attività che Io potentino ha messo in piedi quest’anno per i festeggiamenti di San Gerardo.

Si rinnova l’iniziativa introdotta lo scorso anno riservata ai tanti ambulanti, per lo più extracomunitari, che nei due giorni di festa invadono letteralmente le strade di Potenza, la città non è attrezzata per ospitare decorosamente la carovana multietnica ma per lo meno l’Associazione Io potentino provvede a offrire loro dei prodotti alimentari. Si chiama “Benvenuto mi frà il progetto d’accoglienza ed è realizzato in collaborazione della compagnia teatrale Scacciapensieri che il 19 maggio mette in scena al Teatro Stabile la commedia “’ Porc’ nun fa vecchio ma u vecchio fa porc’ ” .il cui incasso servirà all’acquisto dei prodotti alimentari quale segno tangibile di solidarietà nei confronti degli ambulanti extracomunitari, la erogazione dei prodotti alimentari avverrà il giorno 30 maggio e i volontari dell’Associazione invitano i potentini a dare una mano.

Alla seconda edizione anche l’iniziativa che rispolvera un’antica tradizione legata alla devozione popolare che si estrinseca nella costruzione di 2 cinti, manufatti addobbati da fiori e candele, che verranno costruiti in un laboratorio a cielo aperto messo in piedi in Piazza Matteotti e che la sera della parata dei turchi farà parte del corteo. Quest’anno l’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’Associazione di volontariato Amici dell’Hospice che opera all’interno dell’Ospedale S. Carlo, proprio i volontari dell’Hospice il giorno 26 maggio allestiranno un terzo cinto che verrà realizzato in allegria, fra musica popolare e sketch, nelle stanze dell’Ospedale S. Carlo con l’aiuto dei malati e dei loro famigliari. Sempre in collaborazione con gli Amici dell’Hospice è stata realizzata una “maglietta solidale”, una t-shirt da esibire durante la parata e non solo, acquistabile a 10.00 euro ed il ricavo sarà versato all’Associazione Amici dell’Hospice, lo slogan impresso quest’anno sulla t-shirt è “I LOVE PZ”.

Due sono le novità in assoluto per la festività del 2013: un contest fotografico e la Giornata del baratto.

Il contest fotografico dal titolo “Appress a la prucessiona”, organizzato in collaborazione con l’Associazione Imago Lucus, è un concorso fotografico, avente per tema la storica parata e la festività di San Gerardo, gestito interamente su facebbok, termine ultimo per inviare le foto il 9 giugno.

La Giornata del baratto invece si svolgerà in piazza Prefettura sabato 25 maggio, dalle 15.00 alle 21.00, ed intende ripristinare, almeno per un giorno, l’antico metodo dello scambio di merci in sostituzione del denaro, per partecipare bisogna semplicemente iscriversi all’Associazione e registrarsi on line sul sito web dell’Associazione (http://www.iopotentino.it/), che per l’occasione fungerà da banca virtuale e garante per gli scambi.






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. potenza

permalink | inviato da astronik il 25/5/2013 alle 20:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
OLA
BASKET LUCANO
POLITICA
LA CITTA' DI POTENZA
SPORT LUCANO
SPORT... IN GENERE
BASILICATA
AMBIENTE
TRASTULLO

VAI A VEDERE

SOLOLIBERALANIMA
CIRCOLO ANGILLA VECCHIA
ENZO FIERRO BLOG
MELANDROWEB
IL QUOTIDIANO DELLA BASILICATA
GAZZETTA DEL MEZZOGIONO
Libera cittadinanza
Liberi da OGM
DISINFORMAZIONE
IL MIO TG
FEDERBASKET BASILICATA
BASILICATANET
SOCIETA' CIVILE
PEPPINO IMPASTATO
CORRIERE DELLA SERA
REPUBBLICA
COMUNE DI POTENZA
ITALIA NOSTRA
ARTICOLO 21
TELEVIDEO RAI
ANSA BASILICATA
ECOAGE
APT BASILICATA
ARPAB
VISITA LA LUCANIA
UNIVERSITA' DI BASILICATA


 
Astronik Antonio Nicastro
Crea il tuo badge

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CERCA