.
Annunci online

astronik
UN LUCANO DOC - Dialoghi e immagini da una terra antica che non vuole morire.


Diario


13 settembre 2008

Ambiente & informazione, in Basilicata spesso non si incontrano...

Gli amici ed i frequentatori di questo blog conoscono il mio impegno a difesa della natura e dell’ambiente, un impegno che si palesa spesso con interventi sia sul blog che con altri scritti ospitati da altri siti e da alcuni periodici lucani, il mio agire, da alcuni ritenuto troppo esagerato, addirittura intransigente, a più di qualcuno da fastidio, ogni qualvolta su questo blog scrivo di petrolio, di rifiuti, di discariche, di inquinamento dell’aria, di nucleare si intensificano le “visite” provenienti da siti istituzionali (ministeri, università, fondazioni), sono altresì onorato dalle visite provenienti dai vertici dell’arma dei Carabinieri. E’ evidente che su certi argomenti l’attenzione da parte di “qualcuno” è massima e per questo ci marcano.
Quale aderente di OLA vi sottopongo qui in calce un comunicato stampa che verrà diffuso in giornata e che si riferisce ad un importante convegno svoltosi ieri a Ferrandina (dovevo parteciparvi ma per impegni di natura sportiva ho disertato, chiedo scusa agli organizzatori a cui avevo garantito la presenza), oltre a illustrare i temi trattati nel convegno il comunicato pone l’accento su una specie di censura che alcuni organi di stampa, in modo particolare la RAI lucana, mette in atto quando si trattano certi argomenti. Più volte sui blog ci siamo accapigliati sul modo di fare informazione in Basilicata, da più parti viene detto senza mezzi termini che la stampa è spesso troppo vicina ai partiti, ai politici alle istituzioni.
Vogliamo aprire di nuovo un dibattito?

********

NO A BAVAGLIO INFORMAZIONE IN BASILICATA

Il giorno 12 settembre si è tenuto a Ferrandina un importante ed affollato convegno su "gestione dei rifiuti e reati ambientali" organizzato dall'Associazione "Ambiente e Legalità" di Ferrandina al quale hanno preso parte eminenti personalità del mondo accademico e della magistratura che hanno svolto interessanti ed illuminanti interventi circa la presenza, anche in Basilicata, di una gestione illecita dei rifiuti nell'ambito dei grandi interessi industriali e finanziari delle multinazionali che hanno scelto la regione per farne un deposito di ogni tipo e per l'installazione di impianti più pericolosi per l'ambiente e la salute dei cittadini. Il convegno di Ferrandina, non a caso, ha posto la centralità di quello che può essere definita "l'eredità lucana dei veleni" che dall'area industriale della Val Basento si estende oggi alle "valli del petrolio" sino alle mega discariche ed inceneritori esistenti e di quelli che si vorrebbe realizzare, in un momento in cui il tema dei rifiuti è diventato scottante nel sud Italia, così come dimostrano le recenti perquisizioni e le intimidazioni ai giornalisti dell'Espresso "colpevoli" di aver pubblicato un dossier sulle connivenze per la gestione dei rifiuti della Campania tra politici locali e camorra. I giornalisti dell'Espresso, ai quali la OLA esprime la propria solidarietà per non essersi allineati alla logica del "segreto di stato", hanno il merito di non essersi fatti mettere il bavaglio, continuando a scrivere ed informare sul problema del business dei rifiuti a Napoli ed in Campania - è importante sottolineare - ha appendici anche nelle regioni vicine, come in Basilicata. Anche in Basilicata abbiamo assistito in passato ad intimidazioni nei confronti dell'informazione allorquando ha toccato temi scottanti, quali le connivenze deviate tra poteri dello Stato e mondo degli affari. La OLA, Organizzazione Lucana Ambientalista evidenzia la necessità che oggi l'informazione in Basilicata, in gran parte purtroppo assente al convegno su "gestione dei rifiuti e reati ambientali"di Ferrandina, tenga alto il livello di attenzione su questi temi e non li sottovaluti sostenendo i cittadini lucani impegnati nella difficile battaglia per la difesa dell'ambiente, dei diritti civili e della propria salute, in una fase caratterizzata da scelte regionali sbagliate per quanto riguarda l'industria. La Ola in proposito sollecita la stampa ad evidenziare le macroscopiche carenze nei monitoraggi ambientali nelle città capoluogo, in Val Basento, in Val d'Agri, nell'area della costa ionica lucana e nell'area del Vulture-Melfese puntualmente e evidenziate e denunciate dai cittadini.

**********

Consiglio inoltre di visitare i seguenti blog che spesso trattano i temi oggetto del mio intervento:
Viler OLA il blog di un ambientalista serio e preparato, responsabile in Basilicata di Accademia Kronos;
Pietro Dommarco , è il portavoce di OLA, giornalista di razza;
Comitato No Oil Potenza la voce lucana che si oppone all’estrazione indiscriminata del petrolio


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. informazione ambiente ferrandina

permalink | inviato da astronik il 13/9/2008 alle 15:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 918786 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
OLA
BASKET LUCANO
POLITICA
LA CITTA' DI POTENZA
SPORT LUCANO
SPORT... IN GENERE
BASILICATA
AMBIENTE
TRASTULLO

VAI A VEDERE

SOLOLIBERALANIMA
CIRCOLO ANGILLA VECCHIA
ENZO FIERRO BLOG
MELANDROWEB
IL QUOTIDIANO DELLA BASILICATA
GAZZETTA DEL MEZZOGIONO
Libera cittadinanza
Liberi da OGM
DISINFORMAZIONE
IL MIO TG
FEDERBASKET BASILICATA
BASILICATANET
SOCIETA' CIVILE
PEPPINO IMPASTATO
CORRIERE DELLA SERA
REPUBBLICA
COMUNE DI POTENZA
ITALIA NOSTRA
ARTICOLO 21
TELEVIDEO RAI
ANSA BASILICATA
ECOAGE
APT BASILICATA
ARPAB
VISITA LA LUCANIA
UNIVERSITA' DI BASILICATA


 
Astronik Antonio Nicastro
Crea il tuo badge

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CERCA